Coppa Titano, domani si gioca il ritorno dei quarti. La vigilia del difensore Nicola Greco

Il pareggio maturato nei primi 90 minuti lascia sostanzialmente tutto aperto. L’accesso alla semifinale di Coppa Titano si decide domani sera a Fiorentino (fischio d’inizio alle 20:45), dove i giallolblù dovranno cercare di fare valere i propri argomenti contro la Libertas.

“Li abbiamo affrontati già due volte e i risultati parlano abbastanza chiaro – commenta il difensore Nicola Greco -. In campionato abbiamo vinto riuscendo a sbloccare il risultato solo verso la fine. In Coppa è arrivato un pareggio. Hanno dimostrato di essere una squadra molto ostica, che lotta fino alla fine. Peccato perché all’andata eravamo riusciti ad interpretare bene la sfida e a segnare subito nei minuti iniziali. Poi abbiamo mollato un pochino, abbiamo subito il loro pressing molto alto e i loro attacchi. Non siamo riusciti a fare il nostro gioco, loro hanno avuto alcune occasioni chiare davanti alla porta e alla fine è arrivato il gol del pareggio, inaspettato ma in fine dei conti meritato. Ora dobbiamo dare tutto per vincere domani”.

Sarà importante, spiega il difensore, cercare di indirizzare la sfida sin dall’inizio.

“Dovremo cercare di partire forte -dice-, sbloccare il risultato subito per portare la sfida sui nostri binari e, questa volta, tenere duro fino alla fine. Dobbiamo evitare di andare i supplementari o ai calci di rigore”.

Nonostante qualche defezione, i gialloblù avranno dalla loro l’entusiasmo derivante dalla scia di risultati positivi dell’ultimo periodo.

“Dopo le sconfitte negli scontri diretti con Virtus e Tre Penne ci eravamo un po’ demoralizzati – racconta Greco -, ma con la forza del gruppo siamo riusciti a riprenderci e ad infilare una serie di vittorie che ci hanno permesso di tornare di nuovo primi in classifica e di staccare la seconda. Tra infortuni e squalifiche nell’ultimo periodo siamo un po’ contati, soprattutto in difesa, dove siamo chiamati ad adattarci fuori ruolo. Nonostante questo, però, stiamo facendo bene”.

Fatta eccezione per una breve esperienza estiva con il Tre Fiori, per Greco si tratta della prima stagione sul Titano.

“Non mi aspettavo un livello così alto – spiega-. Le squadre di alta classifica, in particolare, sono molto tecniche e, a differenza che in Italia, ci sono molti giocatori esperti. Sono contentissimo di fare questa esperienza nelle fila de La Fiorita: il legame che c’è nel gruppo e con lo staff mi ha molto colpito”.

Nella foto Nicola Greco (copyrights FSGC)