Ai gialloblù basta il pareggio per accedere alla semifinale

È sufficiente il pareggio a La Fiorita, contro il Domagnano, per archiviare i quarti e accedere alla semifinale di campionato, che vedrà i gialloblù opposti al Tre Penne lunedì sera.

Avversaria ostica, la formazione giallorossa, che dopo aver eliminato il Tre Fiori dalla corsa scudetto ha messo in difficoltà anche la formazione di Nicola Berardi, comunque brava a non scomporsi e a remare compatta verso l’obiettivo.

E’ di marca gialloblù la prima occasione dell’incontro: al quarto d’ora Grandoni mette un cross all’altezza del secondo palo trovando Gasperoni, che al volo non riesce ad inquadrare lo specchio.

Sul ribaltamento di fronte i giallorossi si rendono pericolosi prima con l’incornata di Rossi, sventata da Vivan, e poi sul tentativo seguente alla respinta di Ambrogetti, che trova la traversa.

A pochi minuti dallo scadere della prima frazione l’episodio che potrebbe spostare gli equilibri: Bonini atterra Gasperoni in area, il direttore di gara indica il dischetto ma dagli 11 metri Amati colpisce il palo.

Nella ripresa aumenta il forcing del Domagnano, che trova la retroguardia gialloblù sempre attenta. Vivan ancora una volta è decisivo nei minuti finali sulla pericolosa girata di testa di Rossi sul palo più lontano, allontanata dal portiere gialloblù che blinda il passaggio del turno.

LA FIORITA – DOMAGNANO 0-0

LA FIORITA

Vivan; Gasperoni, A. Brighi, Di Maio, Grandoni, Loiodice (dall’88’ Miori), Mularoni, Amati (dal 63’ Errico), Guidi (dal 46’ Zafferani), Castellazzi (dal 79’ Sapori), Rinaldi

A disposizione: Venturini, Pancotti, Pieri

Allenatore: Oscar Lasagni (sostituisce lo squalificato Nicola Berardi)

DOMAGNANO

Leardini; Ghetti, Deluigi, Ambrogetti, Cangini, A. Rossi, A. Venerucci (dal 75’ Ceccaroli), Semprini (dal 77’ Angelini), Parma, Bonini, Santucci (dal 90’ D. Santucci)

A disposizione: Colonna, Faetanini, Averhoff, T. Brighi

Allenatore: Paolo Cangini

Arbitro: Mattia Andruccioli

Assistenti: Ernesto Cristiano, Alessandro Salvatori

Quarto Ufficiale: Giacomo Cenci

Ammoniti: Santucci, Mularoni, Loiodice, A. Venerucci, A. Rossi, Bonini, Deluigi, Grandoni