Chiurato ha ritrovato il sorriso

Prima presenza in campo da titolare in campionato e prima rete con la maglia de La Fiorita per Alessandro Chiurato nell’ultima sfida della prima fase contro il Cosmos. Una partita che per l’attaccante di Carpi, classe ’83, ha riportato il sorriso dopo un avvio di stagione un po’ travagliato a causa di un infortunio.

“La stagione era partita molto bene – racconta – con l’esordio in Supercoppa e il fatto che abbiamo portato a casa il trofeo. Proprio in quella partita, però, ho sentito un dolore al polpaccio. All’inizio pensavo non fosse niente, ho chiesto di essere sostituito solo per precauzione. Mi sono ritrovato a stare fermo una settimana, poi due e alla fine, dopo le ecografie del caso, ho scoperto che la cosa era più grave del previsto e sono stato fermo un mese e mezzo. Dalla gioia iniziale mi sono ritrovato un po’ abbacchiato. Ho fatto le cose per gradi, con i tempi giusti, e adesso sono di nuovo in pista. Dopo uno spezzone di dieci minuti contro il Cailungo, domenica ho giocato 80 minuti senza sentire alcun tipo di fastidio e sono riuscito a fare anche gol. In più la squadra ha vinto 4-0 con una buona prestazione. Insomma, mi è tornato il sorriso. Stare un mese a guardare l’allenamento a bordo campo mentre i compagni si divertono, non è per niente bello”.

Anche se quasi sempre dal di fuori, Chiurato ha potuto prendere confidenza con una realtà per lui nuova come quella del campionato sammarinese, dopo una carriera fatta di tanta Serie D e anche un po’ di professionismo.

“Sicuramente ho trovato una realtà un po’ diversa dai campionati che ho fatto in Italia – spiega l’attaccante gialloblu -. Da un certo punto di vista si fa i professionisti, anche per gli scenari incredibili che apre, come i preliminari europei; dall’altro, però, c’è il lato del dilettantismo, con i tre allenamenti la sera, dopo il lavoro. Mi sembra una bellissima realtà, anche per il fatto di ritrovarsi a giocare su campi sintetici, sui cui si può giocare a calcio. La squadra che mi ha accolto, poi, potrebbe fare tranquillamente campionati professionistici se ci si allenasse tutti i giorni. Ho la fortuna di allenarmi con giocatori che hanno visto campionati ben più importanti dei miei”.

Superata la sosta per le Nazionali, prenderà il via la seconda fase, quella del Q1 e Chiurato è convinto che La Fiorita non avrà rivali.

“Adesso affronteremo il girone con le più forti e testeremo veramente il livello delle altre squadre – spiega -. Sarà sicuramente più competitivo degli incontri giocati fino ad ora. Spero di esserci in tutte le partite e di poter dare il mio contributo. Sono convinto che, se giochiamo come dobbiamo giocare, non ce ne sia per nessuno. Il calcio, però, è bello anche per questo, non si può mai sapere. Sicuramente siamo una delle favorite”.

 

Foto Pruccoli/FSGC