Fiorita batte Tre Fiori… è FINALE

Per il terzo anno consecutivo La Fiorita giocherà la finale del Campionato Sammarinese. Una meta raggiunta dalla squadra di Procopio grazie alla vittoria nella semifinale di ieri sera con il Tre Fiori, ottenuta grazie ad un solo gol, quello segnato da Castellazzi al tramonto della gara.

Procopio propone dal primo minuto due volti nuovi di questa post season: Roberto Di Maio al centro della difesa e Marco Villanova come terminale offensivo. Matteo Cecchetti, invece, conferma per 10/11 la formazione titolare vista nelle due precedenti apparizioni ai play-off: l’unica differenza è che, stavolta, bomber Badalassi non parte dalla panchina ma viene schierato dal primo minuto al posto di Indelicato.

Pronti via e il Tre Fiori trova subito la via del gol, proprio con Badalassi, che però viene “pizzicato” in posizione irregolare sul servizio di Tamagnini. La replica immediata de La Fiorita si sostanzia in una traversa colpita da Amati, che aveva provato a scavalcare Gentilini in uscita.

Al 7’ Bernacci lavora di sponda per Tamagnini, che può calciare dall’interno dell’area di rigore, ma la sua conclusione finisce alta. La Fiorita si affida alle folate di Marco Gasperoni sulla fascia destra. Da una di queste, al 22’, scaturisce il calcio di rigore (fallo di Teodorani) della cui battuta si incarica Mottola: per il numero 10 non arriva il terzo gol in due partite perché Gentilini è efficace sia sul suo tiro dal dischetto sia – soprattutto- sul suo successivo tentativo di tap-in.

Al 37’, un’altra discesa travolgente di Gasperoni porta al traversone che Villanova, appostato sul secondo palo e favorito da una spizzata, non riesce a trasformare nella rete del vantaggio.

Il primo tempo si chiude con un’altra occasione de La Fiorita, questa volta costruita dal piede di Amati, che dalla distanza riesce soltanto a spaventare Gentilini con una conclusione che termina fuori di poco.

Nel secondo tempo il Tre Fiori inizia subito a spingere. Al 54’ la retroguardia de La Fiorita riesce a cavarsela in qualche modo dopo un mezzo pasticcio, mentre quattro minuti dopo, su situazione di calcio d’angolo, Vivan è strepitoso nel neutralizzare il colpo di testa a botta sicura di Bernacci, con palla destinata all’angolino; sulla respinta si avventa Ghetti, che manca il bersaglio.

Sull’altro fronte Villanova strappa applausi alla platea con una rovesciata bella ma non efficace; ma poco dopo è ben più grave l’errore di Amati, che, servito da Rinaldi e con tutta la porta a disposizione, manda il pallone clamorosamente alto. Al 77’ Procopio richiama Hirsch per Castellazzi. Sarà uno snodo cruciale della gara, perché poco più di dieci minuti dopo è proprio il numero 29 a rompere l’equilibrio con un preciso colpo di testa sulla punizione tagliata di Mottola.

Il Tre Fiori accusa il colpo. Teodorani finisce sotto la doccia per un brutto fallo su Amati. Cecchetti spende anche il terzo cambio sbilanciando la squadra in attacco, alla ricerca disperata del pareggio. La gara si chiude però con un’altra grossa occasione capitata a Castellazzi, che si attarda troppo al momento del tiro al termine di un contropiede lanciato da Rinaldi.

Tre Fiori rimandato alla seconda semifinale di venerdì 18 maggio, quando dovrà fare a meno di Teodorani. La Fiorita promossa invece in finale, dove cercherà un successo che si tradurrebbe ad un tempo nella difesa del titolo e nella conquista del doblete.

Campionato Sammarinese 2017/2018, play-off | La Fiorita – Tre Fiori 1-0

LA FIORITA [4-2-3-1]
Vivan; M. Gasperoni, Olivi, Di Maio, Mezzadri; Amati, Mottola; Hirsch (dal 76’ Castellazzi), Ricchiuti, Rinaldi, Villanova
A disposizione: Stimac, Loiodice, Guidi, Mazzola, Pancotti, Selva
Allenatore: Gianluca Procopio

TRE FIORI [4-3-3]
Gentilini; Rossi, Ghetti, Galassi, Andreini; Tamagnini, D. Gasperoni (dal 90+1’ De Angelis), Pasolini (dal 79’ Semprini); Badalassi (dal 67’ Indelicato), Bernacci, Teodorani
A disposizione: Ceccoli, Della Valle, F. Matteoni, S. Matteoni
Allenatore: Matteo Cecchetti

Arbitro: Raffaele Delvecchio
Assistenti: Dario Sammaritani, Gabriele Calapai
Quarto Ufficiale: Daniele D’Adamo
Ammoniti: Badalassi, Vivan, Andreini, Rossi, Ricchiuti
Espulsi: Teodorani
Marcatori: 89’ Castellazzi