Categoria: NEWS

Le notizie della società

SUPERCOPPA -Comunicato stampa FSGC

Quella che vedrà protagoniste La Fiorita e Tre Penne – rispettivamente campione di San Marino e detentore della Coppa Titano 2016 – sarà la sesta edizione del trofeo, da quando l’attuale formula ha sostituito quella del Trofeo Federale nell’autunno del 2012.

Curiosamente fu proprio un confronto tra La Fiorita e Tre Penne, che allora difendevano i titoli opposti, a tenere a battesimo la Supercoppa Sammarinese, che nei club di Montegiardino e Tre Penne ha anche le più presenti alla sfida del Federico Crescentini di Fiorentino: in ben quattro occasioni – compresa la prossima – La Fiorita-Tre Penne assegna il titolo e sono nel 2015 nessuna delle due ne ha preso parte.

Dalla Final Four del Trofeo Federale al confronto diretto, col fascino dell’incertezza che solo una partita secca – con coppa sul piatto – può regalare. A condire ancor più quello che sarà un confronto tra le due superpotenze del nostro calcio, vale la pena ricordare che La Fiorita e Tre Penne giocheranno la loro quinta finale consecutiva tra Campionato Sammarinese (1), Coppa Titano (2) e Supercoppa (2). Un duopolio che mercoledì sera vivrà di un altro duello, utile a determinare le gerarchie in campo e a darci indicazioni sullo stato di forma di due club i quali – come da cinque anni a questa parte – partiranno per provare a vincere tutto anche nella stagione 2017/2018.

I precedenti sorridono al Tre Penne che, dopo aver perso la prima edizione della Supercoppa Sammarinese il 3 ottobre 2012 (partita decisa da un rigore di Tiziano Mottola all’86’), si è imposto nei due successivi confronti con La Fiorita sempre col punteggio di 2-1 (doppietta di Cibelli e gol di Andy selva nel 2013, rimonta firmata Moretti e Rossi l’anno scorso).

Supercoppa che La Fiorita si è vista sfuggire dalle mani anche nel 2014, quando il pareggio maturato nel tempi regolamentari (Gianluca Bollini e Petráš per La Fiorita, Rossi e Rocchetti per la Libertas) venne confermato anche al 120’, quando Selva e Morelli portarono ai rigori una finale decisa dalla parata di Aldo Simoncini su Martin Petráš (7-8 d.c.r.).

Non mancano nemmeno un buon numero di ex, in questo incontro; Matteo Colonna è ora un giocatore de La Fiorita, mentre ad aver fatto il percorso inverso – da Montegiardino a Città – sono stati alcuni tra i grandi protagonisti delle ultime stagioni: il tecnico Luigi Bizzotto e Marco Martini, su tutti. Il primo ha completato un percorso di crescita fatto di tante finali e culminato nella più incredibile degli ultimi anni, con successo ai supplementari firmato Danilo Rinaldi, mentre il secondo è stato il miglior bomber della passata stagione sfiorando la soglia dei 40 gol totali. A questo si aggiunga che elementi spesso utilizzati quali Lorenzo Capicchioni e l’attuale vice capitato del Tre Penne, Pietro Calzolari, hanno vestito in passato la maglia de La Fiorita, così come Stefano Fraternali – che alla prima dal trasferimento in biancoazzurro segnò la rete del momentaneo 1-1 ad Oswestry (Galles), dove il Tre Penne era impegnato nella gara d’andata del Primo Turno Preliminare di UEFA Champions League contro i The New Saints.

Non manca niente, insomma, nella rinnovata sfida tra le grandi di casa nostra e certo protagoniste indiscusse dell’ultimo lustro di calcio sammarinese.

Il derby è nostro!

Un’autorete, la prima rete in gialloblù di Adrian Ricchiuti e un gol del solito Alessandro Guidi valgono il 3-1 che regala il successo alla Fiorita sul Faetano nel derby della seconda giornata.

Partenza “lampo” e autorete che ancora una volta fa gioire i gialloblù, poi il Faetano pareggia ma Ricchiuti e Guidi chiudono la pratica. Ottima prestazione nonostante le numerose assenze.

Ora la squadra si prepara per la Supercoppa contro il Tre Penne in programma alle 21.00 di mercoledì sera 20 settembre a Fiorentino.

 

Esordio con pari, ora il derby!

La Fiorita debutta in Campionato con un pareggio. Contro il Pennarossa decidono due autoreti, una per parte, la prima di Andrea Martini e la seconda, quella del pari, di Nicola Albani (che devia alle spalle del proprio portiere un tiro di Ricchiuti).

Venerdì alle 21.15 a Fiorentino si torna in campo per il derby contro il Faetano.

Si comincia!

Scatta sabato alle 19 a Montecchio contro il Pennarossa il Campionato della Fiorita. Gialloblù in campo per la prima di una lunghissima stagione da Campioni in carica, con l’obiettivo di bissare il meraviglioso cammino dello scorso anno e centrare ancora una volta la qualificazione alle competizioni europee.

Molte le novità rispetto allo scorso anno, cambio in panchina con Nicola Berardi che torna e sostituisce Bizzotto ma non solo, anche in campo ci saranno molti volti nuovi. Mediana ridisegnata con Dieng, Amati e Loiodice che affiancheranno Nicola Cavalli e Tiziano Mottola (oltre a Francesco Beinat) ormai alla decima stagione in gialloblù, in attacco le novità sono Adrian Ricchiuti e Adolfo Hirsch (infortunatosi in Nazionale e in dubbio per l’esordio) che vanno a costituire un trio tutto argentino a cui si aggiunge Alessandro Guidi e in attesa del ritorno di Andy Selva. In difesa sarà Matteo Colonna l’uomo in più (già in campo all’esordio per sostituire l’indisponibile Mazzola) assieme ai veterani Olivi, Mazzola, Gasperoni e Martini. Dalle giovanili approda in prima squadra Samuel Pancotti. Ad affiancare Gianluca Vivan, determinante la passata stagione, arriva una delle promesse del nostro calcio: Alex Stimac.

Andrea Martini, uno dei veterani del gruppo

Cinque i calciatori della Fiorita tesserati anche per squadre italiane: Roberto Di Maio, Tommaso Zafferani, Lorenzo Lunadei, Riccardo Michelotti e Alessandro D’Addario che nell’arco ell’anno collezioneranno le presenze per poter giocare i play off. A loro si aggiunge Filippo Berardi.

Per la gara di sabato prossimo Berardi dovrà fare a meno di qualche acciaccato e in linea di massima tenterà di risparmiare quei calciatori che potrebbero rivelarsi determinanti nella finale di Supercoppa del 20 settembre.

La Fiorita fra i grandi d’Europa

Lunedì 4 e martedì 5 settembre La Fiorita 1967 ha preso parte, in quanto membro ordinario, all’Assemblea Generale dell’ECA (l’Associazione Europea dei Club di calcio) rappresentata dal Presidente Alan Gasperoni. L’Assemblea si è tenuta al President Wilson Hotel di Ginevra e si è articolata su due giorni intensi di lavoro ai quali hanno partecipato anche il Presidente della FIFA Gianni Infantino, il Presidente della UEFA Alexander Ceferin e tutti i principali dirigenti del calcio europeo. All’assemblea sono stati presentati progetti di sviluppo per club, cambiamenti di statuti e regolamenti, specifiche legali, report sull’amministrazione, progetti futuri di crescita su settori strategici, innovazioni tecnologiche in ambito calcistico (tra le quali il VAR presentato dall’ex arbitro internazionale Busacca), programmi di marketing e comunicazione.

Gasperoni, Nanni e Casadei all’Assemblea ECA

Dopo 9 anni di Presidenza, dalla nascita dell’ECA ad oggi, Karl Heinz Rumenigge ha lasciato l’incarico e l’assemblea è stata chiamata a nominare il suo successore che i club hanno individuato nel Presidente della Juventus Andrea Agnelli. I club sammarinesi hanno sostenuto la candidatura del Presidente bianconero ed hanno votato, per un posto nel board internazionale in rappresentanza dei club dalla 29esima alla 53esima posizione del ranking internazionale, il finlandese Aki Riihilahti, Direttore Generale dell’HJK Helsinki FC.

In occasione dell’Assemblea, assieme al Segretario Generale del Tre Penne Luca Nanni e al Direttore Generale del Santa Coloma di Andorra Anabel Llevot, Gasperoni ha incontrato il Segretario Generale UEFA Giorgio Marchetti per alcuni chiarimenti sulla nuova formula della UEFA Champions League per i club delle nazioni più piccole d’Europa (San Marino, Andorra, Kosovo e Gibilterra), formula che si è rivelata essere particolarmente impegnativa e organizzativamente molto complessa.

Alan Gasperoni all’Assemblea ECA

L’Assemblea Generale ECA (la prossima si terrà a Roma a marzo) è stata anche l’occasione per incontrare i massimi esponenti dei club italiani ed europei e delle principali istituzioni calcistiche che non hanno lesinato cortesie ai “più piccoli” della platea.

Alan Gasperoni (Presidente La Fiorita): “L’Assemblea Generale ECA è il principale contesto di confronto sulla vita dei club in Europa e personalmente sono particolarmente orgoglioso di farne parte. Devo ringraziare, per prima cosa, la nuova dirigenza della Federazione Sammarinese Giuoco Calcio, rappresentata in questa trasferta da Fernando Casadei, che tenendo fede a quanto promesso in fase pre-elettorale ha concesso autonomia ai club per la partecipazione agli organismi che li riguardano. L’ECA che noi conosciamo soprattutto per l’indennizzo che viene riconosciuto ai club che forniscono calciatori alle Nazionali, contributo che nel nostro paese viene diviso in maniera solidale, offre in realtà un supporto reale anche sotto molti altri aspetti, da quello legale a quello organizzativo, crea gruppi di studio e di lavoro, master per dirigenti di ogni livello e in più occasioni, durante il meeting di Ginevra, è emerso come vi sia la volontà di lavorare assieme alle squadre delle nazioni più piccole per garantire loro il sostegno necessario per prendere parte alle grandi competizioni. A margine dell’Assemblea è stato inoltre particolarmente piacevole incontrare i Presidenti di UEFA e FIFA Infantino e Ceferin, i dirigenti dei club italiani Agnelli, Lotito, Marotta, Fassone, Zhang, Gandini, Mencucci e Campioni divenuti manager come Van Der Sar, Zanetti e Boban. Il calcio sammarinese genera sempre simpatia e nessuno dei big presenti ha lesinato momenti di cortesia con me e con Luca Nanni che rappresentava il Tre Penne, una società con la quale, come già ribadito in più occasioni, c’è competitività sul campo ma ampia condivisione di idee progetti”.